Staatlichen Kunstsammlungen Dresden

Le collezioni statali di Dresda costituiscono 12 musei importantissimi, con capolavori del XVI, XVII e XIX secolo (tra gli altri, Raffaello, Giorgione, Tiziano, Rubens Van Dick, Murillo, Poussin), la collezione di Porcellane, il museo della camera dei tesori, il museo delle arti decorative e altri musei. La Grünes Gewölbe è nota nel mondo per la sua sontuosità di camera dei tesori e risiede presso il Palazzo Reale di Dresda.


Tate Gallery

La Tate Gallery fu realizzata per decisione di Henry Tate (1819-1899). L’industriale e collezionista inglese la fondò nel 1897 e la allestì con una vasta rassegna della pittura inglese dal Seicento ai giorni nostri. Successivamente fu arricchita da altri lasciti privati.
Dal 2000 la struttura è stata suddivisa in due parti: nella vecchia sede della Tate Gallery sono rimaste le opere d’arte che giungono fino all’Ottocento, mentre nella Tate Modern si trovano le opere del ventesimo secolo. Questo progetto è costato l’equivalente di 220 milioni di euro.
La Tate Modern è il nuovo museo nazionale britannico d'arte moderna. I lavori esposti della collezione comprendono opere fondamentali di alcuni tra gli artisti più influenti del secolo scorso, tra cui Bacon, Dalí, Giacometti, Picasso, Matisse, Rothko e Warhol, oltre a opere contemporanee di artisti come Rebecca Horn, Steve McQueen e Gillian Wearing. La Tate Britain ospita anche la Turner Bequest, la più grande collezione di quadri, disegni e acquerelli di J.M.W. Turner, nella Clore Gallery. Il Tate Shop contiene un grande assortimento di libri d’arte, manifesti e stampe, articoli di cancelleria, biglietti, diapositive e cartoline. Sono inoltre in vendita linee diverse di prodotti, come sciarpe di seta, orologi, gioielli, borse, T-shirt e giocattoli. È disponibile una guida audio in italiano che permette ai visitatori di creare la propria visita personalizzata attraverso le opere e le mostre.
Il sito Internet contiene informazioni sui lavori presenti nella galleria e sulle manifestazioni organizzate. Oltre che in inglese, la consultazione di alcune parti è possibile anche in italiano, tedesco, spagnolo.
Contiene, inoltre, informazioni sulla Tate Gallery di Liverpool, fondata nel 1988, che contiene, tra le altre, opere di Gwen John, Ben Nicholson, Barbara Hepworth, Jacob Epstein, Stanley Spencer, Henry Moore, Bridget Riley, Peter Blake e Alison Wilding.


The Five Hundred

The Five Hundred è una fondazione di Dallas attiva da oltre 30 anni nell’assistenza agli artisti del Texas. I suoi finanziamenti sono rivolti sia a realizzazioni artistiche sia all’apprendimento delle arti musicali, teatrali e visive. I finanziamenti giungono, oltre che da donazioni di volontari, anche dall’organizzazione di eventi di promozione dell’arte in varie zone del circondario di Dallas.
Il sito Internet ha una grafica molto essenziale ed è di facile navigabilità. Oltre alle informazioni sulla fondazione, contiene anche notizie sulle principali manifestazioni organizzate e sui programmi di collaborazione per estendere l’area di intervento nel campo delle arti.


The Henry Moore Foundation

Porta il nome di un grande scultore la Henry Moore Foundation, organizzazione messa in piedi dallo stesso artista britannico nel 1977, con l’impegno preciso di realizzare uno strumento che spiegasse l’arte al grande pubblico, partendo dalle opere del suo fondatore.
La fondazione oggi si occupa prevalentemente di consentire la visualizzazione delle opere d’arte di Henry Moore, approfondire lo studio della scultura e collaborare con artisti e gallerie per allestire nuove mostre.
Il sito è molto ricco di immagini e informazioni. Le opere di Moore sono presentate in modo chiaro, con schede di approfondimento per comprenderne la portata e il significato. Le opere finanziate sono presentate sul sito ed è spiegata anche la politica adottata dall’organizzazione, che consiste prevalentemente nell’assistere pochi artisti ogni anno e consentire la conoscenza dei loro lavori dentro e fuori i confini inglesi.


Tokyo Metropolitan Art Museum

Questo museo di Tokyo, fondato nel 1926, è stata sede di un'ampia varietà di organizzazioni artistiche giapponesi per più di settant'anni. Dopo il 1975 - a seguito di un rinnovamento dell'edificio - alle attività precedenti si sono aggiunte quelle delle esposizioni temporanee. Le attività attuali sono pertanto: le esposizioni di artisti contemporanei giapponesi nelle gallerie in affitto, le cui opere comprendono pitture in stile tradizionale giapponese, sculture, artigianato, calligrafia, grafica; le esposizioni speciali organizzate in collaborazione con giornali e televisioni nella Galleria del Museo.


Tokyo National Museum

Il Museo Nazionale di Tokyo organizza esposizioni temporanee, speciali, tematiche e cura esposizioni permanenti. Il museo è il più grande e il antico del Giappone e ha una collezione di circa 89.000 oggetti d'arte e di archeologia provenienti dal Giappone e da tutta l'Asia. Le esposizioni sono ospitate in quattro sedi: le opere e gli oggetti giapponesi - di cui moltissime ceramiche - si trovano nell'edificio denominato "Honkan".


Tret'jakov

La più ampia e bella collezione di arte russa che esista al mondo. Nel 1892, l'industriale tessile Pavel Tret'jakov donò la sua collezione privata d'arte russa alla città di Mosca. Successivamente, anche il fratello Sergej fece dono della sua collezione. La collezione proseguì a ampliarsi anche dopo la rivoluzione, quando molte collezioni private divennero statali. Oggi il museo comprende più di 100.000 di artisti russi. La galleria principale ospita l'arte russa dalle icone del medioevo ai dipinti dei primi del XX secolo.
Molte altre opere della collezione, appartenenti al XX secolo e al cosidetto realismo socialista, si trovano attualmente nella nuova galleria Tret'jakov.


Triennale di Milano

Sorta come panoramica delle arti decorative e industriali moderne, con l'intento di promuovere l'integrazione tra industria, settori produttivi e arti applicate, la Triennale si è ben presto precisata come sede della cultura artistica ed architettonica in Italia e delle tendenze emergenti. Il tema del disegno industriale, avviato sin dal 1940 con la Mostra internazionale della produzione in serie, è stato poi affrontato in modo ampio e articolato nelle edizioni successive, con rassegne dedicate al design, con il convegno internazionale del 1954 (il primo in Italia sull'argomento) e con le mostre del "Compasso d'oro". In quello stesso periodo, la Triennale ha favorito l'emergere di fenomeni internazionali come il design scandinavo e quello giapponese, attraverso esposizioni di grande interesse, curate da esperti di primissimo piano. Più recentemente, la Triennale ha esteso le proprie attività anche alla moda e alla comunicazione audiovisiva. Infine, con la trasformazione in Fondazione avvenuta nel 1999, ha modificato l’ambito delle proprie attività, oggi definite con l’impegno a svolgere e promuovere attività di ricerca e di esposizione nei settori dell'architettura, dell'urbanistica, delle arti decorative e visive, del design, dell'artigianato, della produzione industriale, della moda, della comunicazione audiovisiva.


Vitra Design Museum

Il sito del Vitra Design Museum si apre con una home page da cui si accede a informazioni intorno alle attività del Vitra Museum di Weil, annesso alla fabbrica di mobili di design Vitra, e a quello di Berlino. Il Vitra Museum, come museo del design, si occupa dal 1989 di indagare intorno alla storia e agli sviluppi attuali del design industriale. Il museo di Weil, con sede in un edificio progettato da Frank Gehry, raccoglie una collezione di mobili di design storici, che costituisce la base per mostre internazionali, per progetti di ricerca e per laboratori. Il sito, oltre alle informazioni sulle attività, ha un dispositivo di vendita on line del merchandising proposto dal museo.


Walker Art Center

Museo di Minneapolis, è uno dei principali punti di riferimento dell’arte di avanguardia statunitense, con un’attenzione particolare alle arti visive, alle performance e all’arte multimediale. Molto intensa è anche la sua attività sul Web: infatti ha realizzato uno primi siti che si occupano di net.art, rilevando "Adaweb", storico progetto realizzato che ha preso il via nel (lontano per il Web) 1996. Molto interessante la “Gallery 9”, che si presenta come luogo virtuale per l'esplorazione di progetti tramite il media digitale, di tutto ciò che è “cyber”, come esperimenti d'interfaccia, discussioni, ipersaggi, link filtrati e conferenze online.


« 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 »

News

The Tiger's Dream

An exhibition delves into the life and times of Tipu Sultan, the South Indian ruler, statesman, and patron.

Made in Naples

A city undeniably industrious.

Mathaf: arab museum of modern art

Mathaf museum hosts exhibitions, programs and events in Doha, Qatar.

LEONARDO

From April 15, 2015.The largest exhibition dedicated to Leonardo ever organized in Italy.

Archivio